Tutto ciò che non è pertinente ma comunque degno di nota

Quelli del beach... per il sociale.

Come ogni gruppo che si rispetti, anche noi intendiamo impegnarci su tematiche di scottante attualità, nella tutela e difesa dei meno fortunati.

E' con grande orgoglio che il Presidente ha presentato oggi alla stampa l'iniziativa: Adotta anche tu un poppito!

Tra le lande desolate della zona est di Taranto vive una tribù, ahimè molto numerosa e prolifica, che vive di senti ed è dedita allo sciacallaggio e al banditismo molesto: i gruttagghiesi, mutazione genetica sub-umana dell'homus poppitus, che popola la zona del salento.

Il destino crudele li ha voluti, brutti, sporchi e più che cattivi, straordinariamente cerebrolesi.

In questo contesto di aberrazione della dignità umana, si inserisce l'iniziativa benefica Adotta anche tu un poppito!

Già dai primi sopralluoghi presso i centri di accoglienza dei poppiti, la situazione appariva già drammatica: stuoli di ominidi dall'idioma incomprensibile, alla stregua di un girone dantesco, si rovistavano freneticamente a vicenda negli anfratti cutanei, alla ricerca di qualche parassita da mangiare... La denutrizione era la prima emergenza, come testimonia la foto-denuncia di un "ospite" del centro di prima accoglienza: poppithelp...

Oltre al discutibile taglio di capelli (vagamente rockabilly), ciò che impressiona è la quantità di ossa tutte all'interno della stessa persona... Raccapricciante. 

Altri esemplari, forse per l'eccessiva quantità di sostanza concimante all'interno (leggi "feci"), invece risultano affetti da una rara forma di ipertricosi irsuta, come testimonia la foto seguente... 

Altro incomprensibile fenomeno, che questo campionario di varia umanità ci ha offerto, è stato la sindrome da ilarità incontenibile.

Ne sono affetti molti poppiti, forse a conferma dell'antico detto: il riso abbonda...

 

Capitolo a parte merita, quasi fosse un fenomeno da baraccone, uno strano personaggio che abbiamo incontrato nel centro. Anche se i tratti somatici tradiscono un'origine non proprio poppitese, la sfortuna di questo strano essere vivente è che è veramente brutto, ma brutto a certi livelli, come testualmente cita la sua cartella clinica, redatta dal dott. Ventura, noto veterinario da monta.

Sicuramente vittima di abusi, prima, e di esperimenti genetici, poi, questo strano ominide suscita compassione e pena.

Avvertiamo i deboli di cuore e gli infartuati dall'astenersi nel guardare la foto che solo per dovere di umanità abbiamo riportato di seguito.

Tutto questo deve finire! Nel 21° secolo non è più accettabile questa disumanità emarginante nei confronti di esseri comunque viventi, anche se difficilmente pensanti: adottane uno anche tu !

Portalo a casa e circondalo di cure, amore e attenzioni.

Ti chiediamo solo di seguire una semplice profilassi prima di metterti in casa un poppito: trivalente a pioggia, poi vaccino contro il vaiolo, la lebbra e la leishmaniosi.

Lo sappiamo: l'estate è alle porte e la tentazione di abbandonarlo subito subito in autostrada è forte e concreta...

...Quelli del beach... promuove questa iniziativa insieme con partner di livello: AMIU, Soc. Coop. San Brunone ed il negozio di animali PoppPet House. 

Per richieste di adozione, rivolgersi, ore pasti, cioè mai, al centro di prima accoglienza sito in Grottaglie.

Grazie per quanti vorranno aderire.

 

La città non è più sicura !

Questa mattina, alle prime luci dell'alba, ignoti col volto coperto si sono resi protagonisti di un efferato crimine. Sfidando la folla che notoriamente popola a quell'ora il rinomato bar La Bussola, ritrovo indiscusso della Taranto bene, i vandali hanno preso di mira il citofono dell'abitazione del noto ipocondriaco dentista Anastasia. La foto eloquente mostra i segni della deturpazione tanto deprecabile quanto vile. "Un altro segno di intolleranza verso le etnie di provenienza orientale", sono state le prime parole degli inquirenti che indagano sull'accaduto. Intanto in città la psicosi di altri e più eclatanti gesti di xenofobia dilaga: sono stati visti addirittura alcuni manduriani fare in fretta e furia le valige e tornare al paese, con le loro Mercedes station degli anni 80.
Quelli del beach naturalmente non prende posizione sull'accaduto, ma si limita ad una sola considerazione: i poppiti sono una risorsa per la nostra comunità e ci aiutano a ricordare sempre la fortuna che abbiamo avuto a non essere come loro.

L'anonima sequestri ha colpito anche a Taranto !

Una singolare vicenda, dai risvolti ancora coperti da segreto istruttorio, ha visto protagonista il Farmacista.

I fatti risalgono ad una settimana fa, per la precisione il 27 ottobre 2013, quando, durante una sessione di allenamento di enduro extreme hard in compagnia della Guida spirituale (oltre che dei percorsi) il Presidente, il Farmacista perse in una mulattiera impestata la sua preziosa ginocchiera marcata Cartagine.

Ravvedutosi dell'accaduto, difficile fu confortarlo per la grave perdita subita: alcuni addirittura giurano di averlo visto il giorno dopo in farmacia col camice listato a lutto.

Premesso che il Farmacista è, come dire, molto affezionato alle cose che ricordano l'infanzia (in questo caso non la sua, ma quella delle legioni romane, vista la vetustà del suo abbigliamento motociclistico), ha organizzato battute di ricerca ed un volantinaggio porta a porta, nella speranza di riavere sana e salva la sua paleo-ginocchiera. 

Nessun risultato... fino a stamattina, 3 novembre 2013, quando è stata recapitata al Farmacista una missiva anonima contenente la prova del ritrovamento della sua tanto amata geronto-ginocchiera (vedasi foto in alto, ndr).

Purtroppo, persone prive di scrupoli (o, per certi versi, benefattori della società e amanti del bello... dipende dai punti di vista) la hanno sequestrata!

Immancabile la richiesta di riscatto, ma, visto il soggetto, rimbalzata al mittente con gli interessi, pure!

Si attendono ulteriori sviluppi.

Gli inquirenti non si sbottonano e sono stretti in un precauzionale riserbo.